Incontro Anestesiologia Veterinaria relatore dott. Vincenzo Rondelli 24.06.2017

L’Ordine dei Medici Veterinari di Trapani organizza un incontro formativo che si terrà il giorno 24 giugno c.a. sull’Anestesiologia Veterinaria, con relatore il dott. Vincenzo Rondelli.
Chiunque sia interessato a partecipare dovrà compilare ed inviare tramite mail il modulo d’iscrizione allegato alla presente entro e non oltre il 10 giugno.
Per ulteriori informazioni o prenotazioni si potrà contattare il Segretario dell’Ordine di Trapani al numero 3280890446.

brochure incontro di anestesiologia Rondelli

modulo di iscrizione anestesiologia

Variazioni Bilancio Preventivo 2017

omv me – variazioni preventivo 2017

Si allega proposta  Variazione Bilancio Preventivo 2017, da votarsi all’Assemblea Ordinaria degli iscritti all’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Messina, che si svolgerà giorno 6 maggio 2017 alle ore 6:00 a.m. in prima convocazione, ed in seconda convocazione giorno 7 maggio 2017 alle ore 10:00 a.m..

Bilancio Consuntivo 2016

omv me – consuntivo 2016

Si allega proposta  Bilancio Consuntivo 2016, da votarsi all’Assemblea Ordinaria degli iscritti all’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Messina, che si svolgerà giorno 6 maggio 2017 alle ore 6:00 a.m. in prima convocazione, ed in seconda convocazione giorno 7 maggio 2017 alle ore 10:00 a.m..

Variazioni Bilancio Preventivo 2016

omv me – variazioni preventivo 2016

Si allega proposta variazione Bilancio Preventivo 2016, da votarsi all’Assemblea Ordinaria degli iscritti all’Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Messina, che si svolgerà giorno 6 maggio 2017 alle ore 6:00 a.m. in prima convocazione, ed in seconda convocazione giorno 7 maggio 2017 alle ore 10:00 a.m..

LETTERA APERTA ALLA CITTADINANZA

IL MEDICO VETERINARIO È UN PROFESSIONISTA, UN PROFESSIONISTA GENEROSO … MA NON È, E NON PUÒ ESSERE UN MISSIONARIO!

Circa venticinque anni addietro scelsi la mia professione, quella che ancora oggi esercito con orgoglio e passione e che mi onoro di rappresentare a livello provinciale, animata dalla volontà di fare il bene dei più deboli, degli indifesi, di quelli che non articolano parole, ma comunque si esprimono a loro modo, che soffrono come e più di noi … i nostri animali.
Diciamocelo chiaramente, la nostra professione è la cugina povera della medicina umana, per la quale non vengono investite adeguate risorse dallo Stato ma sulla quale, di converso, direttamente o indirettamente impattano molteplici normative dello stesso ed, a cascata, delle Regioni e dei Comuni, promulgate in virtù della pulsione “politica” di questa o quella associazione animalista, senza che poi vengano create realmente le condizioni perché tali leggi, pensate per garantire il corretto rapporto tra uomo, animale ed ambiente, trovino concreta applicazione nei territori.
Ne discende uno scontro permanente tra il sentire comune, manifestato costantemente dai cittadini comunitari, che hanno reiteratamente espresso la volontà di tutelare il benessere delle popolazioni animali, e la cronica carenza di specifici finanziamenti all’uopo destinati dalla finanza pubblica.
Quale atto di civiltà si sono abbandonati, fortunatamente, gli abbattimenti di massa con i quali si intendeva controllare il randagismo, ma si è parallelamente assistito ad un moltiplicarsi di cani e gatti, la cui gestione dovrebbe ricadere sui Comuni che, sempre più alle prese con bilanci disastrati, non stipulano convenzioni con strutture veterinarie o, peggio, non onorano i pagamenti concordati, e sulle AA.SS.PP. che, in funzione dei continui tagli alla Sanità, si trovano nella necessità di scegliere se reclutare ginecologi e anestesisti (lungi dal voler togliere importanza a queste figure), per garantire lo stato di salute della popolazione, o medici veterinari da destinarsi a campagne di sterilizzazione.
Alla fine, non sussistendo una “mutua” per gli animali, la loro immediata tutela ricade per lo più su meritevoli volontari che dedicano, ogni giorno, parte della loro vita ad assistere “gli animali di nessuno” e sui professionisti, che di tale tutela sono i garanti, per gli aspetti sanitari.
Quindi nelle città, tra il sentire della popolazione, da un lato, e lo stato di benessere degli animali, dall’altro, come tra incudine e martello, si trovano i medici veterinari, pubblici o privati titolari di cliniche o ambulatori.
È vero, questi ultimi scelgono una professione che non può prescindere da una innata propensione verso le diverse specie animali, siano esse da reddito o da compagnia, ma … c’è un ma.
Il medico veterinario è un professionista che, come gli altri professionisti, medici, avvocati, ingegneri e quant’altro, affronta e supera un complesso iter universitario che lo conduce alla laurea, alla quale segue l’abilitazione e, quindi il dovuto rispetto delle normative vigenti, delle buone pratiche cliniche e del codice deontologico, nel quale ultimo vengono riportate “paroline” come dignità e decoro della professione. Paroline, queste, sempre più dimenticate da taluni che, ritenendosi depositari della verità e guidati dal sacro fuoco della “loro” giustizia, pensano di potere vestire i panni di carnefici “mediatici” sulla scorta di personali quanto erronei convincimenti, spingendosi financo a minacce fisiche.
Questa lunga premessa perchè, presso l’Ordine,continuano a pervenire segnalazioni di colleghi divenuti oggetto di intollerabili insulti e minacce, che vanno a detrimento non solo della loro immagine, ma anche dell’intera professione, vittima consapevole di ingiustificati quanto fallaci attacchi, frutto di perverse errate deduzioni, amplificate a dismisura dalla fame mediatica incontrollata dei social.
Lo scopo di questa lettera è quella di informare e rendere partecipi le persone ragionevoli, la maggior parte dei cittadini, che pur amando gli animali, sono in grado di discernere le “cose” giuste da quelle sbagliate, che non insultano, che, se del caso, denunciano … denunciano alle Forze di polizia … denunciano all’Ordine dei Medici Veterinari per gli aspetti disciplinari … ma che riflettono e agiscono in funzione delle” cose” ragionevolmente “giuste”.
Non può ritenersi “giusto” che un medico veterinario che opera presso una clinica o un ambulatorio, presti attività di primo o pronto soccorso ad animali incidentati, siano questi randagi o di proprietà, in orario di chiusura della propria strutture, in assenza della disponibilità di un’ambulanza appositamente attrezzata (come previsto dalla vigente normativa), e senza la garanzia di un dovuto necessario corrispettivo economico.
Ancora non può ritenersi “giusto” che un medico veterinario che opera in ossequio a chiare disposizioni fornite dal proprio datore di lavoro in una struttura pubblica, ma presso la quale esercita come privato libero professionista, venga minacciato fisicamente oltre a divenire oggetto di persecuzione mediatica da parte di alcuni scellerati … certamente una sparuta e poco rappresentativa minoranza della popolazione.
Pretendere che un medico veterinario si comporti come un missionario non è eticamente ragionevole, seppure questa idea, purtroppo, rispecchi una percezione comune, in quanto corrisponderebbe a spingerlo ad operare in difformità dalle normative vigenti, dalle buone pratiche veterinarie e certamente non nell’interesse dell’animale.
Sovente si osserva come il prototipo del cittadino che conduce un randagio o una cucciolata di trovatelli dal medico veterinario, ritenga, in tal modo, di mettersi in pace con la propria coscienza, ritenendo di avere fatto la cosa “giusta”.
Tuttavia, pur apprezzando la buona volontà di fondo, forse dovrebbe rendersi consapevole che questi eventi, sporadici per il singolo cittadino, diventano routine per il medico veterinario che, se dovesse farsi carico di tutte le cucciolate che vengono abbandonate davanti alla propria saracinesca e/o dovesse intervenire gratuitamente su tutti gli animali randagi o supposti tali, finirebbe per abbandonare la professione sulla quale ha investito risorse ed impegno, non potendo sostentare la propria famiglia, mantenere l’attività e condurre una vita dignitosa.
Ogni “cosa” deve avere una misura per essere sostenibile.
Tutti i medici veterinari titolari/esercenti in strutture sanitarie, in linea con la loro naturale propensione, possiedono un cane e/o un gatto recuperato per strada e si adoperano per fare adottare cuccioli, ma non si può pretendere che i risvolti socio-economici di una problematica provinciale come quella del randagismo, ricadano su una categoria, a fronte delle inefficienze della P.A., nelle sue diverse componenti, istituzionalmente preposte a fronteggiarla.
Concludo questa mia, nella speranza di avere innescato in quella sparuta minoranza di cittadini artefici di ingiustificati ed ingiustificabili attacchi portati alla professione medico veterinaria, il tarlo del dubbio.
Il dubbio di avere fatto la “cosa” sbagliata insultando e minacciando ingiustamente esponenti della professione medico-veterinaria, auspicando che, in futuro, possano dirottare le proprie energie, più correttamente e proficuamente, nel collaborare a garantire, legittimamente, assistenza ad animali bisognosi, denominatore, quest’ultimo, comune agli animalisti ed ai medici-veterinari, presupposto dal quale ripartire per seguire un circuito virtuoso il quale, nel rispetto dei propri ruoli, sinergicamente sia di ausilio anche alle Istituzioni, per porre in essere le azioni necessarie a tutela degli animali, partecipando attivamente in ossequio ai delicati equilibri intercorrenti tra uomo, animale ed ambiente.
Manifesto pubblicamente stima, apprezzamento e solidarietà ai colleghi destinatari di manifestazioni ingiustamente offensive ed ingiuriose, colpevoli solo di avere adempiuto ai propri obblighi deontologici e professionali.
Iole De Luca (Presidente Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Messina)

Graduatoria provvisoria Specialistica Ambulatoriale per la Medicina Veterinaria anno 2017 A.S.P. Messina

Facendo seguito alla richiesta del Direttore UOC Assistenza Sanitaria di Base e Specialistica Ambulatoriale dell’A.S.P. di Messina, Dott.ssa Franca Casella, in allegato si pubblicano le graduatorie provvisorie per la Specialistica Ambulatoriale Medico Veterinaria anno 2017.

graduatoria provvisoria Specialistica Ambulatoriale per la Medicina Veterinaria anno 2017

“VET IN CORTO” – CONCORSO NAZIONALE DI CORTOMETRAGGI (Scadenza: 01/10/2017)

Il Dipartimento di Medicina Veterinaria (DiMeV) dell’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, in collaborazione con la Federazione Nazionale degli Ordini dei Veterinari Italiani (FNOVI) e con il Patrocinio di Apulia Film Commission, bandisce un concorso aperto agli studenti ed ai giovani laureati (under 35) dei Corsi di Laurea afferenti alla Medicina Veterinaria. I partecipanti potranno inviare un numero massimo di 2 cortometraggi (della durata minima di 5 minuti e massima di 15 minuti) in cui descrivere aspetti legati alla professione, al rapporto con gli animali e i loro proprietari, alla percezione che l’opinione pubblica ha della figura del veterinario, e/o altre figure professionali che lavorano a contatto con gli animali. (scarica la locandina; http://www.uniba.it/ricerca/dipartimenti/dipmedveterinaria/vetsapp/vetsapp_doc/feb2017/vetincorto/locandina-vetincorto.pdf )

· Testo completo del bando: http://www.uniba.it/ricerca/dipartimenti/dipmedveterinaria/vetsapp/vetsapp_doc/feb2017/vetincorto/bando-vet-in-corto.pdf

· Domanda di partecipazione: http://www.uniba.it/ricerca/dipartimenti/dipmedveterinaria/vetsapp/vetsapp_doc/feb2017/vetincorto/allegato-a-pdf.pdf

Esito Elezioni Delegato ENPAV quinquennio 2017 – 2022

Per opportuna conoscenza si comunica che il dott. Massimo Venza, iscritto al n. 342 dell’Albo, è stato eletto delegato Enpav per la Provincia di Messina  quinquennio 2017 – 2022, a seguito delle votazioni svoltesi nei giorni 26 e 27 febbraio c.a. presso la sede dell’Ordine dei Medici Veterinari, sita in Via Nino Bixio n° 89.

Lista Candidati – Elezioni Delegato ENPAV quinquennio 2017 – 2022

Sono pervenute le candidature di n. 2 colleghi quali candidati a rivestire il ruolo di delegato ENPAV per la Provincia di Messina – quinquennio 2017 – 2022, di seguito elencati, in ordine alfabetico:
1) Dott. Bartolone Antonino, iscritto al n. 229 dell’Albo a far data dal 01.01.1985;
2) Dott. Massimo Venza, iscritto al n. 342 dell’Albo a far data dal 01.01.1996.
Le elezioni si terranno presso la sede dello scrivente Ordine, sita in Messina, Via Nino Bixio n° 89, in prima convocazione domenica 26 febbraio p.v. alle ore 4.00 a.m. ed, in seconda convocazione dalle ore 10.00 alle ore 14.00 dello stesso giorno.
Proseguiranno, nei medesimi locali, lunedì 27 febbraio p.v. dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

ENPAV – Bando 2017 per la concessione dei Sussidi alla genitorialità

Per il 2017 sono previsti i seguenti termini di presentazione delle domande, 30 aprile e 31 ottobre.
L’importo massimo del sussidio ammonta a € 300,00 mensili ed è erogato per un periodo massimo
di 8 mesi per i seguenti servizi:
 Asili nido
 Baby sitting
 Scuola dell’infanzia (per i casi di adozione fino a sei anni d’età del bambino)
Sul sito web dell’ENPAV, nella sezione “Prestazioni → Informazioni – Sussidi alla genitorialità”, sono disponibili tutte le informazioni e la documentazione da utilizzare.

Comunicazioni

Anmvi

No items.